mercoledì 2 novembre 2011

In UK non si fanno referendum idioti e populisti

Secondo Charles Hendry, Ministro per l'energia britannico, con il nuovo piano energetico recentemente proposto dal governo del Regno Unito  "Circa un quarto della capacità di generazione del Regno Unito dovrà essere dismessa entro il 2020. Dobbiamo rimpiazzarla con energia sicura, sostenibile e a basse emissioni. Per fare questo ci sarà bisogno di investimenti per oltre 100 mliardi di sterline solo nella generazione elettrica, che vuol dire raddoppiare in questo decennio gli investimenti in infrastrutture rispetto al decennio passato".

A tal propostito, è confermata anche la presenza del nucleare, infatti è previsto un sensibile aumento dello sfruttamento di tale fonte e in tale contesto è stato stilato un accordo con la francese EDF relativo al prolungamento di altri cinque anni della vita delle centrali nucleari di Heysham 1 e Hartlepool e alla costruzione di due nuovi reattori EPR da 1650 MW a Hinkley Point.

Fonte: Il giornale dell'ingegnere